Per l'affidamento conta
la volontā  del minore.

Iman

Iman

"Ora cerco solo di ritrovare pace e tranquillitā"

PARLA LA MADRE DI IMAN DOPO IL RIENTRO IN ITALIA

Martedė 20 agosto 2002

MALPENSA (Varese) - "Dal primo momento in cui ho messo piede in Siria mi sono resa conto che ce l'avrei fatta. Dal primo momento mi sono detta: io prima o poi mia figlia me la porto a casa".

Cosė Iris Moneta, 33 anni, con in braccio la piccola Iman di 2 anni e mezzo finalmente riavuta per sentenza a Tartus in Siria, ha espresso i suoi sentimenti ai giornalisti all'arrivo a Malpensa. Mamma e figlia erano partite poco dopo le 4 del mattino da Beirut.

Esito felice per la lunga, dolorosa e complicata esperienza nata da un rapporto fallito con il siriano Khaled Ahmad e dalla fuga dell'uomo in Siria dopo essersi preso la bambina. Ora Iris Moneta ha i capelli biondi, lunghi e sciolti, un vestito bianco. Ha raccontato di non essersi mai arresa: "Non mi sono mai lasciata sconfiggere. E quindi non ho mai voluto ritornare in Italia. Ero sicura delle persone che avevo qui, in Italia, da Bruno Poli al ministro Tremaglia, e dell'ambasciata a Damasco. Mi hanno veramente dato una mano".

Mentre la piccola Iman, capelli lunghi neri fermati da piccole mollette a forma di stellina, maglietta rossa, pantaloni bianchi e scalza giocava con i microfoni dei cronisti, Iris Moneta ha ricordato il continuo sostegno morale datole da nonna Giovanna (sua madre) e dall'altro figlio, Aron, 11 anni, avuto da una precedente relazione: "Mia mamma e mio figlio mi hanno dato forza. Al telefono hanno sempre cercato di tirarmi su il morale dicendomi "dai, forza che ce la fai". Sė, anche loro mi hanno aiutato tanto".

Il suo rapporto con la Siria? "Non faccio di ogni erba un fascio - ha detto la donna -. Come da noi anche da loro ci sono persone positive e negative. Io purtroppo ne ho trovata una che mi ha dato problemi. Io ringrazio anche la Siria che mi ha dato comunque una mano". Iris Moneta si riferiva al Tribunale di Tartus che ha emesso una sentenza definitiva, "affidandomi subito la bambina che č in tenera etā".

Quanto ai programmi per il futuro, dopo il rientro in Italia, la madre della piccola Iman ha spiegato: "Per ora ho solo bisogno di un gran riposo, di riprendere il mio ambiente familiare. Penso che starā˛ a casa perchč ho bisogno proprio della mia tranquillitā. Poi c'č mio figlio che mi aspetta ed anche mia figlia ha bisogno di avere un attimo di relax, di vita normale". Iris Moneta fa la barista a Barzana (Bergamo), paese a pochi chilometri da quello della famiglia di lei, Almenno San Bartolomeo. La donna si č soffermata poi sulla svolta che le ha consentito di tornare a casa con Iman. "Onestamente al momento non me ne sono resa conto, č stata una cosa veramente inaspettata", ha commentato sottolineando il risultato dell'operazione diplomatica portata avanti dalle autoritā italiane e dall'ambasciata a Damasco con le autoritā di Siria. "Mi sono affidata a loro - ha continuato - come mi sono fidata di loro fin dall'inizio".

 

*  *  *

 

Minori contesi: per Tremaglia sono quasi 500

di Redazione (redazione@vita.it)
19/08/2002

Risolto il caso di Iris Moneta, il ministro Mirko Tremaglia annuncia un "piano operativo che riguarda l'interesse superiore dei bambini, non di un coniuge o dell'altro"

La pių soddisfatta č sembrata proprio lei, Iman, la piccola protagonista di questa vicenda di minori contesi fra i genitori che, inconsapevole dell' "operazione diplomatica" che l'ha riportata a casa dalla Siria, appena arrivata in Italia non si č sottratta ai baci, alle coccole di chi l'ha accolta in aeroporto, all'attenzione delle telecamere. Atterrata questa mattina a Malpensa alle 7,23, assieme alla mamma Iris, la bimba, non ancora 3 anni, ha trovato ad accoglierla il ministro per gli Italiani nel Mondo, Mirko Tremaglia, e un drappello di cronisti. E accanto alla sua allegria, la felicitā e la soddisfazione per il lieto fine della vicenda nel sorriso e nelle parole di Iris Moneta, 33 anni, la mamma, che da quando l'ex marito, il siriano Khaled Ahmad, le aveva strappato la figlioletta, non ha mai smesso di lottare. Oggi ha pronunciato parole molto chiare, come: "Ho fatto di tutto per riaverla, farō di tutto per proteggerla". Per riavere Iman, Iris sporto denuncia alla Procura di Bergamo, č volata in Siria abbandonando il lavoro di barista, si č travestita da donna mediorientale e ha minacciato lo sciopero della fame. "Dal primo momento in cui ho messo piede in Siria mi sono resa conto che ce l'avrei fatta." - ha detto oggi, stringendo Iman - Fin da subito mi sono detta: io prima o poi mia figlia me la porto a casa" E cosė č stato. Grazie a un'intesa attivitā diplomatica tra governo italiano e siriano e al lavoro ininterrotto di due consiglieri dell'ambasciata italiana, ha ottenuto che le venisse affidata la bimba, č riuscita a portarla via con sč. Ora manca solo la ratifica, da parte del Tribunale dei Minori di Brescia, del provvedimento dell'autoritā giudiziaria siriana. Il ministro Tremaglia, che ha seguito il caso passo dopo passo, oggi all'aeroporto non ha saputo celare un pō di emozione e commozione per il ritorno della piccola Iman: qualche buffetto e bacio sulle guance della bambina e la confessione di aver pensato a piccoli peluche per lei e a fiori per la madre. Messi da parte i sentimenti, Tremaglia ha poi ribadito che casi come questo "sono un'indecenza e una vergogna internazionale": di minorenni contesi, anche tra genitori di Paesi europei, "ce ne sono centinaia. Di soli casi denunciati se ne contano in Italia forse 500". Da qui l'annuncio: un piano operativo che riguarda "l'interesse superiore dei bambini, non di un coniuge o dell'altro". In pratica la costituzione di un comitato specializzato a fianco della struttura giā esistente del ministero degli esteri e che si avvarrā della consulenza di Bruno Poli che ha dato un contributo determinante alla soluzione dell'odissea di Iman. Una soluzione naturalmente non gradita al padre della bambina, che ha detto di voler comunque rivedere la figlia "nel rispetto delle leggi", ma ha mostrato parecchie perplessitā sulle modalitā dell'esito della vicenda, visto che era in programma un'udienza in Siria per il 24 agosto. E se per il lieto fine della vicenda sono state espresse soddisfazione dalla Farnesina e felicitā da Sonia Renzi, la madre di Martin, l'altro figlio di Khaled Ahmad rimasto per scelta con il padre in Siria, non c'č stata una particolare partecipazione alla gioia della famiglia Moneta a Barzana, il piccolo centro in provincia di Bergamo dove Iman e mamma Iris sono ritornate. Una certa dose di indifferenza, qualche critica per certe 'rischiosč scelte sentimentali che si ripercuotono sui figli, poca attenzione per il viavai di cronisti, fotografi e cameramen intorno alla palazzina in cui Iris ha cercato di riposarsi con la piccola Iman dopo aver vinto la sua battaglia.

 

*  *  *

 

I matrimoni "misti" e la sottrazione dei minori

Negli ultimi anni, infatti, il nostro Paese č divenuto destinazione ideale per extracomunitari "di ogni dove", tra i quali molti musulmani.
Ovviamente tale presenza ha dato luogo al proliferare di matrimoni "misti", intesi come unioni coniugali tra individui appartenenti a differenti gruppi nazionali (o etnici).
Si stima che in Italia se ne celebrino almeno 27.000 all'anno ma, purtroppo, molti di essi non hanno vita facile, principalmente per due tipi di problemi:
- di ordine sociale, quali differenti concezioni del ruolo tra sessi, di educazione dei figli o di rapporti con le famiglie di origine;
- di ordine giuridico, ovvero problematiche di diritto internazionale privato la cui gravitā si manifesta in particolar modo in occasione di un'eventuale separazione e di affidamento della prole.
La "rottura" del rapporto matrimoniale molto spesso culmina, infatti, con l'azione volontaria e unilaterale di uno dei due coniugi di "rapimento" del figlio per nasconderlo e tenerlo con sāŠ in modo permanente. Tale fenomeno č qualificato come"sottrazione internazionale dei minori" e puā˛ perpetrarsi in uno dei modi seguenti:
A)- trasferimento del minore in uno Stato diverso da quello ove abitualmente vive senza il consenso dell'altro coniuge e in assenza di una decisione giudiziaria autorizzativa;
B)- trasferimento avvenuto a seguito di una decisione giudiziaria che aveva concesso l'affidamento del minore all'altro coniuge;
C)- trasferimento posto in essere in violazione sia della decisione sull'affidamento che di un provvedimento che espressamente negava la possibilitā per il minore di lasciare il territorio nazionale.
Solo nel nostro Paese ogni anno vengono sottratti circa 50 bambini con conseguenti negative e gravi ripercussioni sul bambino sia riguardo alla perdita di una delle due figure genitoriali che al forzato abbandono del contesto socio-culturale nel quale era inserito.
Il conseguente scenario che si presenta lascia spazio ad un'opera di "violenza psicologica" del coniuge "rapitore" nei confronti del figlio, avente ad oggetto la demonizzazione dell'altro genitore.
Tale atteggiamento irresponsabile crea spesso nel minore la sindrome "PAS" (Parental alienation syndrom) intesa come stato di disprezzo e avversione che il minore prova nei confronti del genitore assente che rappresenta il "male", perchāŠ non si cura di lui in nessun modo, a differenza, invece, dei quello presente che vede come il "bene".
Di fronte alla grave portata delle azioni sopra descritte molti Stati si sono attivati con l'intenzione di armonizzare le diverse legislazioni in materia. Il frutto di tale cooperazione internazionale č rappresentato principalmente dalla CONVENZIONE DELL'AJA del 25 ottobre 1980 sugli "Aspetti civili della sottrazione internazionale dei minori" (ratificata e resa esecutiva dall'Italia con legge 15.1.1994, n. 64), alla quale hanno aderito 64 Paesi tra i quali tutti quelli Europei e Usa, Brasile e Ungheria, e il REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO D'EUROPA del 28 maggio 1998. Entrambi
hanno ritenuto illecita la sottrazione di minori attribuendo la competenza a prendere i provvedimenti del caso al Giudice del luogo di residenza abituale del minore, precisando che dopo sei mesi la competenza passa alla giurisdizione della eventuale nuova residenza del minore.
Tra le procedure che possono essere attivate per ottenere il rimpatrio del minore sottratto č utile menzionare:
- la denuncia penale contro l'autore della sottrazione;
- l'istanza di richiesta di rimpatrio presentata avanti l'Autoritā Centrale presso il Dipartimento Giustizia Minorile del Ministero della Giustizia.
In realtā, perā˛, la normativa sopra richiamata non č spesso in grado di assolvere in maniera efficace alla propria funzione; ne č l'esempio il caso "Iman" (la bambina figlia di Iris Moneta e del siriano Khaled Ahmad che l'ha portata in Siria) salito agli onori della cronaca nello scorso mese di agosto.
Fortunatamente tale episodio ha avuto un lieto fine con il ritorno nel nostro Paese della piccola Iman grazie all'intervento di un noto esperto "ritrovatore di figli rubati" Bruno Poli, che ha fattivamente collaborato con il nostro Ministro degli Esteri Mirko Tremaglia.
Lo stesso Ministro, particolarmente sensibile ai problemi connessi al proprio mandato, ha dato un primo segnale innovativo in tema di matrimoni "misti", annunciando un disegno di legge che attualizzi le problematiche di diritto di famiglia e dei patti internazionali, nonchāŠ la redazione di un documento informativo sui rischi e tutele delle coppie "miste", indirizzato a tutti i Sindaci.

Autore : Alberto Foggia

Bambini riportati a casa

Con mia grande soddisfazione informo che, dall'inizio della mia attivitā, prima per conto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, poi direttamente per Studi Legali e per privati, in totale, sono giā 
oltre 95 i bambini sottratti all'estero che abbiamo fatto rimpatriare.
Bruno Poli

Ecco alcuni degli ultimi risultati di bambini che hanno goduto dell'ordine di rimpatrio:

Mario, Sara, Speranza 06/12/2018

Il tribunale inglese ha disposto in rimpatrio dei bambini, che entro il 12 dicembre dovranno tornare dal loro papā a Cuneo

Thomas e Nicolas 19/10/2018

In data 19/10/18 il tribunale austriaco ha disposto il rimpatrio in Italia dei bambini Thomas e Nicolas, che torneranno a casa dal loro papā.

Evelyn 09/07/2018

in data 09.07.2018 la piccola Evelyn , sottratta in Germania, č stata riconsegnata alla madre a Prato.

Sofia e Maria 24/03/2018

in data 24.03.2018 sono tornate a Bologna, con il padre, le piccole Sofia e Maria dalla Russia

Josephine 11/05/2017

Josephine dovrā essere riconsegnata al padre a Livorno.

(clicca per leggere la sua storia).

Joel 31/03/2017

Il giudice californiano ha rimpatriato Joel, trasferito illecitamente in USA dalla madre, e l'ha direttamente consegnato al padre Andrea. Ora sono in volo verso l'Italia

(clicca per leggere la sua storia).

Romina 06/03/2017

in data 6 marzo 2017 la Corte messicana di Morales ha disposto l'immediato rimpatrio della piccola Romina, che dovrā essere riconsegnata al padre

(clicca per leggere la sua storia).

Essa Maym 08/02/2017

E' stato ordinato il suo rimpatrio dalla California per tornare a La Spezia dal suo papā

(clicca per leggere la sua storia).

Angla 07/02/2017

E' stato ordinato il suo rimpatrio dalla Svezia e tornerā a Roma dal suo papā

(clicca per leggere la sua storia).

Gabriel e Daniel 15/12/2016

La Corte di Granada (Spagna) ha disposto il rimpatrio in Italia dei minori Gabriele e Daniel che saranno riconsegnati al loro padre Francesco.

(clicca per leggere la sua storia).

Vincenzo 29/10/2016

La Corte di Miami (Florida) ha disposto il rimpatrio del minore Vincenzo che č stato riconsegnato al padre che l'ha riportato a Napoli.

(clicca per leggere la sua storia).

Pietro 03/06/2016

Dagli USA (Miami) č stato riaccompagnato dal suo papā in Italia, a Firenze, al quale č stato affidato.

(clicca per leggere la sua storia).

Gabriel 26/12/2015

Dall'Indonesia č stato riconsegnato alla madre che l'ha riportato a Milano.

(clicca per leggere la sua storia).

Lara 15/09/2015

Dal Brasile dovrā essere riconsegnata al padre e rimpatriata in Italia.

(clicca per leggere la sua storia).

Sofia e Lorenzo 29/06/2015

Sono stati rimpatriati il dal Messico e si trovano in Italia con la loro madre.

(clicca per leggere la sua storia).

Carlo, Lorenzo e Edoardo 15/06/2015

Sono rientrati da New York in Svizzera e ora si trovano con il loro papā.

(clicca per leggere la sua storia).

Alexandra Loredana 10/05/2015

Dalla Romania č stata riconsegnata alla madre ed giā in Italia.

(clicca per leggere la sua storia).

Teodoro 12/01/2014

Dalla Svizzera, dovrā essere riconsegnato al suo papā, ordinato il suo rimpatrio.

(clicca per leggere la sua storia).

Cristiano 01/12/2013

Dal Sudafrica riportato a casa dal suo papā.

(clicca per leggere la sua storia).

Caterina 15/11/2013

Dalla Polonia, č stata riconsegnata al suo papā.

(clicca per leggere la sua storia).

Valentino e Alexandro 07/08/2013

Dovranno essere riconsegnati al loro papā, disposto il loro rimpatrio.

(clicca per leggere la sua storia).

Elisabetta 05/08/2013

Dall'Ungheria, č stata riconsegnata al suo papā.

(clicca per leggere la sua storia).

Claudia 16/07/2013

Dal Venezuela č stata riconsegnata al suo papā che l'ha riportata a Bologna.

(clicca per leggere la sua storia).

Attila Ragusa 09/07/2013

Dalla Polonia č stato riconsegnato al suo papā in Belgio.

(clicca per leggere la sua storia).

Matteo e Ginevra 17/11/2012

Dovranno essere riconsegnati al loro papā e ritornare a Hong Kong.

(clicca per leggere la sua storia).

Chantal 23/09/2012

Dall'Ungheria, dovrā essere riconsegnata al suo papā.

(clicca per leggere la sua storia).

Cesare 13/09/2012

Dovrā essere riconsegnato al suo papā.

(clicca per leggere la sua storia).

Elia Manu 13/03/2012

Il Tribunale peruviano ha ordinato il suo rimpatrio in Italia e la restituzione al padre.

(clicca per leggere la sua storia).

Eleonora 21/02/2012

E' tornata dal Brasile dalla sua mamma.

(clicca per leggere la sua storia).

Rosa 03/02/2012

E' tornata dagli Stati Uniti dal suo papā.

(clicca per leggere la sua storia).

Bianca e Matteo 05/10/2011

Sono tornati dagli Stati Uniti e si trovano con il loro papā.

(clicca per leggere la sua storia).

Umberto e Nunsia 04/04/2011

Sono tornati dal Messico dal loro papā.

(clicca per leggere la sua storia).

Helena e Irene 14/01/2011

E' stato ordinato il loro rimpatrio dalla Finlandia in Italia, dal loro papā.

(clicca per leggere la sua storia).

Antonio 16/12/2010

E' stato ordinato il suo rimpatrio dall'Inghilterra in Italia e rivedrā il papā.

(clicca per leggere la sua storia).

Amina 05/12/2010

Dal Sudafrica, č tornata in Italia dal suo papā

(clicca per leggere la sua storia).

Samuele e Sofia 09/10/2010

Sono stati riconsegnati alla madre che li ha riportati in Spagna.

(clicca per leggere la sua storia).

Valentina 28/08/2010

Dalla Romania, č ritornata dal suo papā.

(clicca per leggere la sua storia).

Enrico 24/08/2010

Dall'Inghilterra č stato riconsegnato al suo papā.

(clicca per leggere la sua storia).

Valentina 14/01/2010

Dal Brasile, č stato ordinato dal Tribunale brasiliano il suo rimpatrio in Italia e la riconsegna al suo papā.

(clicca per leggere la sua storia).

Melissa 16/12/2009

Dalla Colombia, č stato ordinato, dal Tribunale colombiano, il suo rimpatrio in Italia e la riconsegna al suo papā.

(clicca per leggere la sua storia).

Carolina 19/09/2009

Dal Brasile, e' tornata dal suo papa'.

(clicca per leggere la sua storia).

Gitanjali Lucia 27/07/2009

Dalla Germania, e' stato disposto il suo rimpatrio in Italia e la riconsegna al suo papa'.

(clicca per leggere la sua storia).

Laura 19/06/2009

Dall'Inghilterra, č stato disposto il suo rimpatrio e la riconsegna al suo papā.

(clicca per leggere la sua storia).

Fabio 09/01/2009

Dalla Spagna, e' stato disposto il suo rimpatrio in Italia ed e' stato riconsegnato alla madre.

(clicca per leggere la sua storia).

Samuele e Sarah Michelle 18/11/2008

Dal Portogallo, č stato disposto il loro rimpatrio in Italia e la riconsegna al loro papā.

(clicca per leggere la sua storia).

Samuel 04/11/2008

Dalla Slovacchia, č stato disposto il suo rimpatrio in Italia e la riconsegna al padre.

(clicca per leggere la sua storia).

Marco 22/09/2008

Dall'Ucraina, č rimpatriato in Italia ed č con il padre.

(clicca per leggere la sua storia).

Blue 10/08/2008

Dalla Germania, la bambina dovrā essere rimpatriata in Italia e consegnata al padre.

(clicca per leggere la sua storia).

Gionatan, Daniele, Naomi, Andrea 13/07/2003

Dagli Stati Uniti, tutti i fratelli sono stati rimpatriati dal loro papā in Italia.

(clicca per leggere la sua storia).

Johan 12/03/2003

Dall'Olanda, č stato rimpatriato dal suo papā.

(clicca per leggere la sua storia).

E altri che hanno preferito l'anonimato.